Una donna su 6 non sa cosa sia l’autopalpazione del seno: lo rivela uno studio dell’Istituto di opinione pubblica francese IFOP e commissionato da Gleeden, la piattaforma per gli incontri discreti pensata dalle donne con oltre 8 milioni di iscritti.

Condotto su un campione di 1.017 donne di età superiore ai 18 anni, lo studio ha voluto indagare la conoscenza in materia di prevenzione del tumore al seno e ha raccolto risultati scioccanti: nonostante le campagne di educazione e sensibilizzazione, ancora oggi il 47% delle donne non sa eseguire correttamente l’autopalpazione; mentre il 13% non ne ha nemmeno mai sentito parlare.

Sostieni No#News visitando il sito del nostro inserzionista

I numeri sono preoccupanti: imparare a eseguire correttamente l’autopalpazione del seno, ed effettuarla regolarmente, sono azioni cruciali per riconoscere in autonomia i segni di eventuali noduli al seno e affrontarli tempestivamente. Grazie alla diagnosi precoce, infatti, una donna colpita dal tumore al seno ha una probabilità di sopravvivenza dell’87%.

Tuttavia, nel 2021, lo studio ha riportato come il 44% delle donne europee non abbia mai effettuato alcun esame diagnostico, in particolare le più giovani, colpevoli anche di non saper praticare l’autopalpazione del seno (33%).

Per offrire un aiuto a tutte le donne, Gleeden, insieme all’associazione per la lotta contro il cancro CERHOM, ha deciso di lanciare una campagna per ricordare loro l’importanza dell’autopalpazione e insegnare a eseguirla correttamente, e lo fa attraverso un cortometraggio dal titolo inequivocabile: “Un vero film sulle tette”.

Ambientato in una bakery francese,  racconta attraverso la metafora della pasticcieria come imparare ad “impastare” il proprio seno per riconoscere la presenza di eventuali noduli e imperfezioni.

«Imparare a eseguire correttamente l’autopalpazione e farla con regolarità sin da giovani, e non solo dopo i 40 anni, sono azioni fondamentali che devono diventare routine per ogni donna. Si tratta di un gesto davvero semplice, ma che può letteralmente salvarti la vita – afferma Sybil Shiddell, Country Manager Italia di Gleeden. – Lo studio che abbiamo commissionato a IFOP parla chiaro: bisogna continuare a sensibilizzare sulle pratiche di prevenzione del cancro al seno perché sono ancora troppe le donne che non sanno che il primo, vero, strumento di diagnosi precoce sono proprio le nostre mani. Con questo film ci auguriamo che il messaggio possa essere diffuso a quante più donne possibile“.

Diretto dal francese Antoine de Bujadoux – già premiato per la direzione di cortometraggi dedicati alla prevenzione dei tumori alla prostata – e con la partecipazione delle attrici Malika Ménard, Eléonore Sarrazin e Marie-Christine Adam, volti noti della TV francese contemporanea, il film (in lingua originale con sottotitoli nelle diverse lingue) verrà distribuito principalmente su Youtube, Instagram e sulla piattaforma dedicata https://www.gleeden.com/pinkoctober/.

Sostieni No#News visitando il sito del nostro inserzionista
Articolo precendente#Le donne sposate invocano a gran voce l’orgasmo
Articolo successivo#Valencia sarà la città ospitante dei Gay Games nel 2026