In Cina, si sa, piace fare le cose in grande. E anche quando fanno un pupazzo di neve, lo devono fare in grande.

Dopo più di dieci giorni di intenso lavoro, il gigantesco pupazzo di neve alto 18 metri è finalmente “tornato” sulla riva del fiume Songhua ad Harbin, nella provincia di Heilongjiang, nel nord-est della Cina.

Sostieni No#News visitando il sito del nostro inserzionista

Questa città al confine nord della Cina con la Siberia è famosa nel mondo, quale meta turistica invernale per il suo colassale Festival internazionale delle sculture di ghiaccio e neve.

Ogni anno qui si realizzano infatti sculture di ghiaccio che tendono a riprodurre una intera città, creando un’atmosfera incantata grazie anche a favolosi giochi di luce. Durante il Festival sono inoltre previste gare di scultura di ghiaccio e neve che attirano centinaia di artisti da tutto il mondo. Ufficialmente il festival ha inizio il 5 gennaio e si conclude dopo un mese, ma in realtà la manifestazione dura fino a quando le condizioni meteo lo permettono: è infatti l’arrivo della primavera, e del conseguente innalzamento della temperatura, a decretare lo sciogliersi delle sculture di solito quindi il festival parte tra la fine di novembre e l’inizio di dicembre quando le temperature scendono fino a meno quaranta gradi.

Con un sorriso definito “super curativo”, il pupazzo di neve è diventato subito virale in internet. Quest’anno, per costruire il bel gigante alto 18 metri, gli operai hanno utilizzato circa 2.000 metri cubi di neve.

Quest’anno? Già perchè ne costruiscono uno ogni anno dal 2018, l’ultimo per le Olimpiadi Invernali di Pechino dello scorso anno.

Sostieni No#News visitando il sito del nostro inserzionista
Articolo precendente#Classifica film al botteghino (16 gennaio – 22 gennaio)
Articolo successivo#Questa settimana al cinema (23 gennaio – 29 gennaio)