#Fidelio senz’anima

Un’altra delusione per i melomani come me. L’apertura della stagione operistica del Teatro alla Scala ha visto proposto un Fidelio che, nell’ennesimo spasmodico tentativo di attualizzare la storia, è stato privato della sua anima.

Fidelio, unica Opera composta da L.W. Beethoven, che narra la lotta per la felicità, di Leonora, la quale si traveste da uomo e si fa chiamare Fidelio, per penetrare nella prigione ove il governatore Don Pizzarro tine ingiustamente imprigionato il suo amato, Florestan. Un’Opera che manifesta nuovamente la forza ed il carattere di una donna, che non si lascia scoraggiare dalle avversità, ed anzi, affronta di petto le difficoltà per il bene del proprio amato.

Il tenore dell’Opera messa in scena è stato chiaro da subito. Sin da quando si è alzato il sipario, rivelando una Marcellina in felpa con cappuccio rosa, dietro ad un’asse da stiro intenta a stirare il bucato, contornata da uno scenario industriale caratterizzato da blocchi di cemento, caschi da muratore e salopette.

Gli interpreti sono risultati, senza alcuna eccezione, sotto tono dal punto di vista canoro e relativamente poco espressivi dal punto di vista scenico. Penso che il “Bravo, Maestro!” urlato al temine dell’opera sia dovuto al fatto che l’unica cosa che si è salvata è l’interpretazione musicale, diretta dal maestro Barenboim, opinabile resta la scelta della Overture Leonora 2 (prima versione delle quattro, composta per la prima del 1805 andata in scena proprio presso il teatro Scaligero).

sostieni No#News e visita il nostro sponsor

sostieni No#News e visita il nostro sponsor

Giudizio finale? Condivido i pensieri di Paolo Isotta espressi in questo articolo comparso su Corriere.it, e me ne vado a casa stanco e deluso…