C’era qualcosa che turbò Ade, gli mise nell’animo una strana euforia, nuova, mai provata …, chissà: Ade si lasciò prendere dalla bellezza del mondo.

E capì che gli era toccata una sorte ingiusta …

… Si scoprì incompleto, metà di uno di cui si era perso l’altro pezzo.

Zeus è soddisfatto. Pensa che il nostro essere, in fondo, è uguale: esistono anche le stagioni dell’anima. Dentro di noi tutto è sempre in continua trasformazione: un po’ abitiamo terre solari e un po’ sconfiniamo, a volte, senza volerlo, in zone imperscrutabili di buio.

L’attesa è un vuoto, sorella, che le menti deboli riempiono di pensieri immaginari – finzioni – che chiamiamo sogni.

Perché la storia ricomincia sempre, ed è sempre la stessa.

Ma questa è un’altra storia, che parla dell’amore quando non basta, per amare veramente. E ogni volta che il cielo si rannuvola o si vela, è il sole che ritorna al pensiero di suo figlio, e vanamente si rammarica di aver sbagliato.

L’amore è sguardo. Lo sguardo è desiderio. Desidera, l’amore che discende dalle stelle.

Lasciami fiore, immobile, che ti segua ovunque con lo sguardo. Sarai l’amore che non si fa prendere.

Vedere è avere. È già possedere. È accedere all’inaccessibile.

Callisto, Orsa Maggiore, dall’alto del suo cielo ci dà lezione, immobile, di pianto.

Il velo della nostalgia disturba sempre la perfezione immota del presente.

Ci vuole solitudine perché i pensieri affiorino dal nulla. Soprattutto i pensieri di cose che non esistono.

Le storie si ripetono ma ci spezzano, ci trovano impreparati.

Rendere possibile l’impossibile è sempre questo il compito, la sfida segreta.

Gli allena la mente ai sogni, a pensare l’impossibile, e a realizzarlo. Lo educa a credere che non esiste limite, che la mente umana supera la chiusura. E che nulla è davvero inesistente, se qualcuno lo pensa.

In quel frammento di tempo per lui si misura lo spazio dell’esistenza.

L’immensità del mare sopporta, contiene un’indifferenza che nessun affronto può scalfire.

 

Attraverso il racconto di alcuni miti, Paola Mastrocola, ci racconta che cos’è l’Amore. Un sentimento che “tocca”, allo stesso modo, gli uomini mortali e gli dei. L’Amore: il sentimento che smuove il mondo dei vivi e dei morti.

Sostieni No#News visitando il sito del nostro inserzionista

Da Ade ad Eros, da Euridice a Callisto, da Zeus ad Afrodite.

Perché senza amore ci sentiamo la metà di qualcosa che non sappiamo cosa sia.

Fino a che punto ci spinge ad osare? Dove siamo disposti ad arrivare? A cosa riusciamo a rinunciare per amore?

Una trama ricca di contenuti e magnifiche citazioni. Parole legate le une alle altre fino a tessere una rete che ci cattura tutti come la rete che catturò ed espose agli occhi di tutti il tradimento di Afrodite con Ares nei confronti di Efesto.

Un libro che va letto a piccole dosi, assaporato come si assapora un buon vecchio cognac.

L’amore prima di noi di Paola Mastrocola, #È l’amore che muove il mondo

L’amore prima di noi
di Paola Mastrocola
Einaudi 2018 – 288pp.

Sostieni No#News visitando il sito del nostro inserzionista
Articolo precendente#Come evitare le truffe di beneficenza e assicurarsi che il proprio denaro sostenga una causa reale
Articolo successivo#Da binge watching a spoiler: le parole inglesi da sapere se si è appassionati di serie tv