Ogni quattro anni, il 29 febbraio, esce in Francia un giornale satirico che si chiama La Bougie du Sapeur, ovvero “La candela dello zappatore”. Si tratta di un omaggio a un personaggio dei fumetti creato da Christophe, un famoso disegnatore francese del XIX secolo. Lo zappatore Camember era un soldato nato il 29 febbraio, che faceva continuamente azioni assurde e divertenti.

Storia de La Bougie du Sapeur

La Bougie du Sapeur è nata nel 1980 come un canular, una burla, ideata da una banda di amici appassionati di vecchi giornali. Il primo numero era di otto pagine, in bianco e nero, e aveva una tiratura di 10mila copie. Da allora, il giornale è uscito regolarmente ogni anno bisestile, arrivando al dodicesimo numero nel 2024.

Format de La Bougie du Sapeur

Il giornale è composto da una ventina di pagine, a colori, e ha una tiratura di 200mila copie. Il prezzo è di 4,70 euro, di cui una parte viene devoluta a un’associazione che si occupa di adulti autistici. Il giornale non ha pubblicità, ma solo sponsorizzazioni di aziende amiche.

La Bougie du Sapeur ha una struttura simile a quella di un quotidiano normale, con sezioni di politica, economia, esteri, sport, cultura e gossip. I titoli contengono spesso giochi di parole, interviste immaginarie, commenti ironici o sarcastici. Il giornale non ha una linea politica, ma solo il gusto per l’assurdo e l’umorismo. Il suo slogan è “Journal bête, mais pas méchant”, ovvero “Giornale stupido, ma non cattivo”.

il numero del 2024 de La Bougie du Sapeur

Il numero del 2024 ha come titolo principale “Diventeremo tutti intelligenti” e parla dell’intelligenza artificiale e dei suoi effetti sulla società. La seconda storia più importante, intitolata “Quel che gli uomini devono sapere prima di diventare donne”, racconta le “sfide” che devono affrontare gli uomini che desiderano effettuare una transizione di genere. Altre storie riguardano il cambiamento di genere, i giochi olimpici di Parigi, il coronavirus, il Brexit, il Papa e le elezioni americane. Tra i personaggi intervistati ci sono Michel Galabru, Guy Savoy, Sandrine Rousseau e Liz Truss.

Le rubriche de La Bougie du Sapeur

La Bougie du Sapeur ha diverse rubriche che trattano vari argomenti con ironia e umorismo. Alcune delle rubriche sono:

  • La vie politique: una sezione dedicata alla politica francese e internazionale, con interviste vere e false, commenti sarcastici e giochi di parole. Per esempio, nel numero del 2024, c’è un articolo che si intitola “Macron, il presidente che non invecchia mai” e che parla della sua candidatura per un terzo mandato.
  • La vie économique: una sezione che analizza le tendenze economiche e sociali, con uno sguardo critico e divertente. Per esempio, nel numero del 2024, c’è un articolo che si intitola “Come diventare ricchi con il Bitcoin” e che spiega come investire nella criptovaluta più famosa del mondo.
  • La vie internationale: una sezione che racconta gli avvenimenti più importanti e curiosi del mondo, con un tono leggero e spesso provocatorio. Per esempio, nel numero del 2024, c’è un articolo che si intitola “La Corea del Nord, il paese più felice del mondo” e che descrive la vita quotidiana dei nordcoreani sotto il regime di Kim Jong-un.
  • Le spectacle: una sezione che si occupa di arte, cultura e spettacolo, con recensioni, interviste e consigli. Per esempio, nel numero del 2024, c’è un articolo che si intitola “Le migliori serie TV da guardare il 29 febbraio” e che propone una selezione di serie televisive adatte a un giorno speciale.
  • Le sport: una sezione che parla di sport, con cronache, risultati e aneddoti. Per esempio, nel numero del 2024, c’è un articolo che si intitola “Il calcio italiano, una favola senza fine” e che celebra il quinto titolo mondiale consecutivo della nazionale azzurra.
  • La dernière minute: una sezione che riporta le ultime notizie, spesso assurde e incredibili, che sono arrivate alla redazione poco prima della chiusura del giornale. Per esempio, nel numero del 2024, c’è un articolo che si intitola “Un meteorite colpisce la Terra e cancella il 29 febbraio” e che annuncia la fine del mondo.

La Bougie du Sapeur ha anche una sezione chiamata Le jeu du sapeur, ovvero “Il gioco dello zappatore”, che propone agli lettori degli enigmi o dei giochi di parole da risolvere. Per esempio, nel numero del 2024, c’è un enigma che recita: “Qual è la differenza tra un anno bisestile e un anno normale?”. La soluzione è: “Un anno bisestile ha 366 giorni, mentre un anno normale ha 365 disastri”. Un altro gioco di parole è: “Qual è il colmo per un sapeur?”. La soluzione è: “Essere nato il 29 febbraio e morire il 28”. Questa sezione è pensata per divertire e stimolare gli lettori, che possono anche inviare le loro proposte di enigmi o giochi di parole alla redazione

La Bougie du Sapeur è un giornale pieno di citazioni divertenti e spiritose. Eccone alcune che abbiamo trovato scavando nei suoi numeri precedenti:

  • “Il 29 febbraio è il giorno più bello dell’anno, perché è l’unico che non si ripete mai” (No. 1, 1980)
  • “La politica è l’arte di mentire con eleganza” (No. 3, 1988)
  • “Il calcio è uno sport che si gioca in undici contro undici, e alla fine vince la Germania” (No. 5, 1996)
  • “L’amore è come il formaggio: più è vecchio, più puzza” (No. 7, 2004)
  • “La crisi è finita, ora siamo nella catastrofe” (No. 9, 2012)
  • “Non c’è niente di più ecologico di un’auto elettrica, a parte una bicicletta a pedali” (No. 10, 2016)
  • “La verità è come l’olio: viene sempre a galla, ma solo se non c’è il tappo” (No. 11, 2020)

La Bougie du Sapeur è un giornale che fa sorridere e riflettere, che offre una visione alternativa e divertente dell’attualità. È un giornale che si prende in giro, ma che non si prende sul serio. È un giornale che illumina il 29 febbraio, il giorno più raro dell’anno.