Quando il sole comincia a calare e il cielo assume tinte dorate, è il momento perfetto per godersi un momento di relax con gli amici. È l’ora dell’Aperitivo, da gustare dopo una lunga giornata, a casa o al bar, in compagnia. Corona invita da sempre le persone a staccare dalla quotidianità: l’attimo perfetto per farlo, specialmente in questa stagione che si fa sempre più calda, è sicuramente la Golden Hour.

Trovarsi con il telefono privo di carica – possibilità non affatto remota dopo una lunga giornata di lavoro – può tuttavia essere una potenziale seccatura, che mina il relax di questo speciale momento. Per scongiurare questa possibilità, il marchio di eccellenza AB InBev ha ideato Corona Recharge, un innovativo frigorifero che si apre solo collegando un telefono con una carica inferiore al 20%. In esclusiva, per la prima volta al mondo in Italia, martedì 12 luglio al Deus Cafè di Milano (Isola) dalle ore 18 sarà possibile provare l’esclusiva experience Corona Recharge e godersi un aperitivo in compagnia sorseggiando una Corona durante il vostro Aperitivo. Grazie alla sua freschezza, al gusto leggero e alla capacità di abbinarsi con snack, infatti, Corona è la birra perfetta per i tuoi Aperitivi con amici.

Sostieni No#News visitando il sito del nostro inserzionista

Il funzionamento di Corona Recharge è semplice e intuitivo: basta collegare il proprio telefono, con autonomia inferiore al 20% alla docking station presente nella sommità del frigorifero per sbloccarne automaticamente lo sportello e ottenere così una birra Corona fresca, contenuta al suo interno.

Il design del frigorifero, dal tocco vintage, richiama gli iconici colori giallo e blu, che contraddistinguono il marchio di eccellenza AB InBev.

Corona Recharge è il modo migliore per utilizzare l’ultimo 20% di batteria del telefono! L’appuntamento da non perdere, in anteprima mondiale, è martedì 12 luglio al Deus Café di Milano, dalle ore 18.

Sostieni No#News visitando il sito del nostro inserzionista
Articolo precendente#Alzheimer: 5 consigli per alleggerire il carico emotivo dei caregiver
Articolo successivo#Queen at The Opera il 21 luglio all’Arcimboldi