Il Mercato Ortofrutticolo di Milano è un luogo storico dove è possibile acquistare carne, pesce, frutta e verdura. Grazie al piano Foody 2025, promosso dal Comune di Milano e Sogemi, è in corso una significativa opera di riqualificazione che lo renderà uno dei poli alimentari migliori d’Europa.

Situato nel quartiere di Calvairate dal 1965, il Mercato Ortofrutticolo di Milano è un’importante realtà italiana ed europea. Si tratta di un grande polo logistico, di distribuzione e commercializzazione di ortofrutta, carni, pesce e fiori, dove il pubblico può fare la spesa una volta a settimana a prezzi più convenienti rispetto ai negozi tradizionali. Questo mercato è oggetto di una monumentale opera di riqualificazione, come dimostra l’inaugurazione del nuovo padiglione ortofrutticolo a maggio 2024. Il padiglione 1, grande come il Terminal 1 dell’aeroporto di Malpensa, è stato lanciato nell’ambito del piano Foody 2025, una collaborazione tra Sogemi e il Comune di Milano. Il sindaco Giuseppe Sala ha sottolineato che questo progetto posizionerà Milano “al fianco delle grandi capitali europee” e in grado di competere con i mercati di Barcellona, Madrid e Parigi.

La storia

La storia del Mercato Ortofrutticolo di Milano inizia nel 1965, quando fu posta la prima pietra del nuovo mercato ortofrutticolo in Via Cesare Lombroso alla presenza del presidente della Repubblica dell’epoca. Da allora, sotto la gestione di Sogemi S.p.A. (società comunale per l’Impianto e l’Esercizio dei Mercati Annonari all’Ingrosso), il mercato ha visto transitare tonnellate di prodotti alimentari, tra cui frutta, verdura, carne, pesce, materie prime avicole e fiori. Questo polo alimentare vanta numerosi primati.

Il reparto ortofrutticolo e gli altri settori

Il reparto ortofrutticolo è il più grande d’Italia per quantità di prodotti commercializzati, con oltre un milione di tonnellate annue, ed è la principale fonte di importazione per i mercati italiani, offrendo una vasta scelta di prodotti provenienti da tutto il mondo. Il mercato ittico, tra i più moderni a livello europeo, è il più importante d’Italia per quantità e qualità del pesce. Il mercato floricolo offre una vasta gamma di fiori recisi, secchi, finti e in vaso, nonché piante e accessori per fioristi. Il mercato delle carni, un tempo sede di un importante impianto di macellazione, oggi offre carni bianche e rosse, prodotti lavorati e precucinati, uova e ovoprodotti.

Il pubblico può accedere al Comprensorio Mercato Agroalimentare Milano (CMAM) per gli acquisti al dettaglio ogni sabato dalle 9 alle 12:30, e al mercato dei fiori anche durante la settimana dalle 10 alle 12:30. L’ingresso è gratuito per pedoni e ciclisti, mentre è previsto un costo di 1,5€ per i veicoli e 1€ per i motocicli.

Il Progetto Foody 2025

Dopo 18 mesi di lavori, è stata inaugurata una nuova struttura dedicata al mercato ortofrutticolo, con il trasferimento parziale degli operatori dai vecchi padiglioni. Questo progetto si concluderà a luglio con il trasferimento completo di tutti i banchi dedicati alla frutta e verdura nel nuovo polo alimentare, che si estende su una superficie di 47.000 mq e ospita 160 baie di carico e scarico merci e 102 punti vendita gestiti da 46 aziende specializzate.

Il piano Foody 2025, lanciato a fine 2019, prevede anche l’apertura di un secondo padiglione entro il prossimo anno, il rinnovamento delle piattaforme logistiche e del magazzino centrale di Milano Ristorazione. Questo progetto rappresenta la più vasta area cantierizzata dopo l’Expo 2015, coprendo un totale di 700.000 mq.

Il Mercato Agroalimentare Milano diventerà un hub agroalimentare avanzato grazie alle nuove tecnologie implementate, tra cui un impianto di produzione energetica da fonti rinnovabili e un sistema di logistica centralizzato e digitalizzato. Sono previsti anche laboratori e seminari a tema cibo e alimentazione all’interno del Palazzo Affari, il nucleo centrale dell’hub. Tuttavia, al momento il nuovo padiglione non è aperto al pubblico, e la decisione sulla futura apertura verrà presa successivamente.

Il Mercato Ortofrutticolo di Milano sta vivendo una fase di trasformazione significativa, che lo renderà un modello di eccellenza e innovazione nel panorama dei mercati agroalimentari europei.