Il Museo Rietberg di Zurigo presenta fino al 21 luglio 2024 la mostra Più che oro. Lustro e visione del mondo nella Colombia indigena. Concepita e realizzata dal Los Angeles County Museum of Art (LACMA), dal Museo del Oro di Bogotá, dal Museum of Fine Arts di Houston e dai membri della comunità indigena degli Arhuaco in Colombia, la mostra di Zurigo è l’unica tappa europea e si contraddistingue per l’eccezionale rilevanza artistica.

Sono circa 400 le opere in mostra, tra manufatti in oro, recipienti di ceramica, sculture di pietra e gioielli realizzati con piume provenienti da collezioni colombiane, nordamericane, tedesche e svizzere, in un percorso espositivo che permette ai visitatori di andare alla scoperta di un’arte finora largamente sconosciuta nei paesi europei.

Se in precedenza le esposizioni adottavano una prospettiva prevalentemente occidentale-accademica, Più che oro pone in primo piano il sapere e le tradizioni delle popolazioni indigene. Per quasi sette anni, Julia Burtenshaw e Diana Magaloni (LACMA) hanno raccolto informazioni sugli oggetti con l’aiuto degli Arhuaco, facendole poi confluire nella concezione della mostra. Per l’esposizione zurighese, Fernanda Ugalde, curatrice presso il Museo Rietberg e co-curatrice della mostra, ha ampliato i contenuti integrando ulteriori aspetti importanti in stretto coordinamento con le curatrici del LACMA, il team di archeologhe e archeologi del Museo del Oro, i partner della comunità degli Arhuaco ed esponenti del mondo dell’arte colombiano.

Per secoli, in Occidente, la Colombia preispanica è stata associata soprattutto al mito di “El Dorado”, un’idea incentrata sulla ricchezza materiale dell’arte realizzata dalle popolazioni indigene. La pionieristica esposizione Più che oro offre uno sguardo inedito sulla produzione artistica e sulla cultura di questa regione, dedicandosi per la prima volta alla varietà delle straordinarie opere della Colombia preispanica e interpretandole da una prospettiva indigena.

Gli Arhuaco convivono con altri tre gruppi indigeni nella Sierra Nevada de Santa Marta, nella parte caraibica della Colombia. Nella loro concezione di sé si considerano discendenti dei Tairona, una popolazione che abitava la regione ben prima dell’arrivo degli spagnoli. Per gli Arhuaco i siti archeologici risalenti a quell’epoca – come la città preispanica di Ciudad Perdida, riscoperta negli anni Settanta – non sono semplici testimonianze del passato, ma veri e propri luoghi sacri e spirituali che vengono curati e venerati ancora oggi. Allo stesso modo, ritengono che le opere realizzate dai Tairona non siano arte del passato, bensì oggetti viventi e custodi di valori fondamentali.

Allestimento mostra "Più che oro", foto: Mark Niedermann, © Museum Rietberg
Allestimento mostra “Più che oro”, foto: Mark Niedermann, © Museum Rietberg

Questi manufatti riguardano tanto la cosmologia quanto la natura e gli ideali simbolici. Per gli Arhuaco riflettono una prospettiva umana e una concezione del mondo rilevante anche nel presente. L’esistenza degli antenati è un aspetto fondamentale dell’immaginario delle società indigene. Ciò si traduce in una particolare interpretazione della vita, del passato, del futuro e del rapporto con gli altri esseri. Ad esempio, secondo gli Arhuaco ogni cosa ha un’anima, inclusi gli alberi, le pietre e i recipienti. Tutto è parte del creato e pertanto non ha né un inizio né una fine. L’esposizione tiene conto di questa visione, poiché le etichette degli oggetti non riportano gli anni a cui questi risalgono.

Il coinvolgimento delle comunità della Sierra Nevada de Santa Marta e di artiste e artisti colombiani non si limita alla collaborazione sul piano curatoriale. Per l’esposizione zurighese il Museo Rietberg ha elaborato insieme a loro un ricco programma di eventi. Sarà ad esempio possibile assistere a una rappresentazione della pièce teatrale “Los saberes del Tungurahua” di Leonardo Abonía. Il drammaturgo e ricercatore originario di Cali ha studiato per molti anni il teatro preispanico, ancora sconosciuto ai più. Sessioni di meditazione con gli Arhuaco nelle sale d’esposizione e nel parco del museo permetteranno a visitatrici e visitatori di familiarizzarsi con la visione del mondo di questa comunità indigena. Il musicista ed etnomusicologo Juan Fernando Franco, anch’egli coinvolto nella concezione della mostra, presenterà la sua opera e suonerà vari strumenti aerofoni come flauti, pifferi e ocarine preispaniche, ricollegandosi così al mondo sonoro dei suoi antenati. Saranno inoltre offerti workshop per famiglie dedicati proprio all’ocarina.

Il Museo Rietberg

Il Museo Rietberg è un museo della città di Zurigo ed è uno dei più grandi musei d’arte della Svizzera. È dedicato all’arte delle culture tradizionali e contemporanee di Asia, Africa, America e Oceania. Le collezioni del museo comprendono 23.000 oggetti e 44.000 fotografie. Gli oggetti sono in gran parte accessibili nelle sale del museo e nel deposito aperto al pubblico.

Le attività del Museo Rietberg sono caratterizzate da un alto livello di professionalità, inclusione e diversità e si rivolgono a un pubblico locale e internazionale. Il museo testimonia il legame della città di Zurigo con le culture del mondo e sensibilizza i singoli risultati artistici e la diversità religiosa e sociale. In questo modo, svolge un’importante missione culturale in un mondo sempre più globalizzato.

Le collezioni di fama internazionale costituiscono la base di tutte le attività del museo e ne determinano la reputazione. Le opere richiedono una ricerca scientifica continua, compresa la ricerca sulla provenienza, rispetto alla quale il museo mantiene un approccio trasparente: i risultati della ricerca, sono ampiamente accessibili online e i curatori a disposizione per ogni domanda o chiarimento.

Il Museo Rietberg è connesso a una rete di esperti nei vari settori culturali, e a istituzioni culturali e collezionisti, sia a livello locale che internazionale. Nel dialogo con i Paesi d’origine, si concentra su collaborazioni a lungo termine, ad esempio in Camerun, Perù, India e Pakistan.

Il museo organizza due o tre grandi mostre temporanee all’anno, integrate da tre o quattro mostre più piccole che attingono alle collezioni del museo. Le mostre temporanee sono organizzate come produzioni interne o come collaborazioni internazionali con musei e istituzioni dei Paesi d’origine. Esse promuovono la reputazione delle culture extraeuropee e l’idea di tolleranza, dando così un esempio del cosmopolitismo della città di Zurigo.

Il programma di educazione artistica del museo offre un’ampia gamma di attività educative e ricreative con visite guidate, conferenze, attività didattiche, laboratori, ecc. per il pubblico in generale, per gruppi e per professionisti, studenti o insegnanti. Uno dei vari compiti del museo è la conservazione e la manutenzione del complesso storico del Rietberg – una combinazione unica di arte extraeuropea (mostre e attività museali), storia locale (Villa Wesendonck, Park-Villa Rieter, Villa Schönberg), architettura contemporanea (lo Smaragd degli architetti Krischanitz/Grazioli e il padiglione estivo di Shigeru Ban) e natura (parco) degna di essere preservata.

, Museo Rietberg, Zurigo | Fino al 21 luglio |a mostra “Più che oro. Lustro e visione del mondo nella Colombia indigena”

Villa Wesendonck, Museum Rietberg
© Foto: Museum Rietberg, Mark Niedermann Photography.