“Il teatro ti coinvolge, spesso ti travolge, sempre ti illude. Proprio come la vita che più credi di conoscere, più scopri la sua natura inconoscibile”.

Reduce da un successo a Sanremo con la canzone Un vento senza nome, una ballad intensa ed emozionante, è proprio nei teatri che Irene Grandi ha deciso che si svolgerà il suo tour 2015, che si è concluso con il concerto del 25 maggio al Teatro dal Verme di Milano.

La scaletta del concerto ha previsto un mix della forza e vitalità dei successi passati della cantante toscana, contrapposti alla delicatezza e profonda introspezione di quelli più recenti.

Sostieni No#News visitando il sito del nostro inserzionista

A memoria
Settimo cielo
Prima di partire per un lungo viaggio
Cuore bianco
Sono come tu mi vuoi (Mina cover)
Una canzone che non ricordo più
In vacanza da una vita
Se perdo te (Patty Pravo cover)
Un vento senza nome
Casomai
La cometa di Halley
Roba bella (con i Patis)
Alle porte del sogno
La tua ragazza sempre
Bum bum

Se mi vuoi
Bruci la città
Lasciala andare

Momento di commozione per la protagonista al temine di Un vento senza nome, accolta da uno scroscio di applausi che sembrava non dovesse mai esaurirsi, manifestazione chiara e sincera del gradimento del pubblico di Irene. Per Roba Bella, nella penombra, compare sul palco una poltrona e si uniscono Saverio e Marco Lanza (PASTIS) accompagnando la performance canora di Irene con la delicatezza di musiche e diapositive in bianco e nero di un’Italia semplice e sincera.

Irene Grandi, muta, si evolve, ma continua ad incantare e convincere il suo pubblico!

Sostieni No#News visitando il sito del nostro inserzionista
Articolo precendente#”A” come… un momento di riflessione e ricordo
Articolo successivo#Priscilla, la regina del deserto… e di Milano