Anno nuovo, vita nuova. O, perlomeno, nuovi buoni propositi. Preply ha realizzato uno studio per individuare le città più educate d’Italia, da cui prendere esempio, e quelle che devono invece migliorare. Tra i comportamenti maleducati più diffusi: passare molto tempo al cellulare in pubblico, non lasciar passare nel traffico e non rallentare alla guida quando si passa vicino ai pedoni.

In generale gli italiani conquistano la sufficienza, ma vediamo chi inizia questo 2023 col piede giusto.

Sostieni No#News visitando il sito del nostro inserzionista

Le città che devono migliorare: Venezia vince il triste primato

Sul podio delle città più maleducate d’Italia spuntano Venezia, Catania e Parma. Rispetto al punteggio medio di maleducazione di 6,10 in una scala da uno a dieci, queste aree metropolitane hanno raggiunto rispettivamente 6,55, 6,52, e 6,51.

Non sorprende che i comportamenti maleducati più diffusi siano quelli legati alla concentrazione di un gran numero di persone in poco spazio: a Venezia, che accoglie ogni anno quasi 13 milioni di turisti, saltare la fila e non rispettare lo spazio altrui sono infatti due dei comportamenti che hanno ottenuto il punteggio maggiore, rispetto alla media nazionale.

Sorprende come città più grandi, generalmente note per il traffico caotico e gli affollamenti, non siano presenti in vetta alla classifica: la Capitale è solo al quinto posto, mentre Napoli o Palermo si posizionano addirittura tra le città meno maleducate d’Italia. Milano, seconda città della penisola per dimensioni e considerata come la città più pericolosa d’Italia nel 2022, si posiziona”solo” al quarto posto nello studio di Preply.

Città più educate: Padova è l’esempio da seguire

Sul podio delle più educate si collocano  città del centro-nord di medie dimensioni, nelle quali la qualità della vita è piuttosto elevata: Padova (5,18), Firenze (5,60), Modena e Verona a pari merito (5,66).

In una scala da 1 a 10, dove dieci equivale al livello massimo di maleducazione, Padova registra infatti il livello più basso in nove dei dodici comportamenti presi come riferimento per l’analisi: non rispettare lo spazio personale (4,24), saltare la fila (4,61), adottare un linguaggio corporeo che comunica inaccessibilità (4,67), essere scortesi con il personale di servizio (4,72), parlare in vivavoce in pubblico (4.79), essere rumorosi in pubblico (4.85), non rallentare con l’auto in prossimità di pedoni (5.03), non lasciare la mancia (5,45), non salutare (5,52).

Mance: Messina è la città più generosa

Lasciare la mancia è uno dei comportamenti presi in considerazione da Preply per individuare le città più educate e maleducate ma anche per scoprire quali sono considerate le più generose. Gli intervistati hanno così condiviso la loro abitudine, e la tendenza della città in cui vivono, a lasciare o meno la mancia al ristorante. In Italia, in generale, il 19,6% degli intervistati ritiene maleducato non lasciare le mance al ristorante. Tuttavia, mentre un 23,3% afferma di lasciarla regolarmente, 2 intervistati su 10 dichiarano di non essere soliti lasciare la mancia quando pagano il conto.

In base a quanto gli abitanti delle varie città ritengono sia giusto lasciare di mancia, secondo Preply la città più generosa d’Italia è Messina, seguita da Brescia e Palermo. Non ci si può invece aspettare mance consistenti a Parma, che chiude la classifica.

Sostieni No#News visitando il sito del nostro inserzionista
Articolo precendente#Arturo Brachetti torna nei teatri italiani per la sesta stagione del suo amatissimo show
Articolo successivo#Il gigante basso di Marco Menin esposto da Hard Rock Cafe Milan