Trovare subito parcheggio a Milano è un’impresa che riesce solo a coloro che hanno un garage o un posto auto assegnato oppure a chi è estremamente fortunato. Secondo un recente studio di Parclick, i milanesi che vogliono parcheggiare in strada passano una media di 33 minuti ogni giorno alla ricerca di un posto libero, arrivando anche a 42 minuti a seconda del quartiere. Facendo due calcoli, si tratta di 11 ore al mese, senza contare i fine settimana.

In base allo studio, quattro milanesi su dieci usano ogni giorno l’auto privata per andare al lavoro, ma solamente un terzo di questi cittadini ha il suo parcheggio. Inoltre, la pandemia non ha aiutato; le persone hanno preferito utilizzare l’auto al posto dei mezzi pubblici, anche chi prima si recava abitualmente a lavoro in autobus o metropolitana. E ancora oggi, nonostante ci siano dati buoni sul numero dei contagi e dei vaccinati, anche a fronte dell’aumento dei prezzi del carburante, il numero di milanesi che utilizza il proprio mezzo privato quotidianamente non è diminuito.

Sostieni No#News visitando il sito del nostro inserzionista

I dati dello studio di rivelano che l’orario peggiore per parcheggiare a Milano è tra le 19 e le 20, quando la gente rientra a casa dopo aver finito di lavorare. Per quanto riguarda i quartieri, quelli “più difficili” per trovare un posto libero e in cui la gente perde più tempo per trovarlo, sono Stazione Centrale, centro storico, zona dei Navigli, San Siro, Cadorna e Parco Sempione, Rho Fiera.

Molto complicato anche riuscire a parcheggiare dopo le 20, orario in cui la maggior parte delle ZTL finisce di essere attiva e sia i residenti che i non residenti dei quartieri inclusi nelle varie zone possono parcheggiare gratuitamente.

Inoltre, è molto difficile trovare parcheggio anche al mattino tra le 8 e le 9, orario in cui la gente si reca a lavoro, soprattutto nei quartieri periferici e nelle zone in cui si concentrano molte aziende.

Infine, lo studio rivela che il costo medio di un posto auto a Milano è di circa 200 euro, ma può arrivare a 400 euro e oltre in alcune zone della città.

Lo studio mostra anche che sei automobilisti italiani su dieci ritengono sia fondamentale aumentare il numero di posti auto disponibili nelle zone più congestionate delle città e offrirli all’utente in modo accessibile, ad esempio con abbonamenti mensili a prezzi bassi; questo tuttavia non si ottiene necessariamente costruendo nuovi parcheggi, bensì rendendo più efficienti quelli che già esistono, cosa per cui la tecnologia è fondamentale. Secondo gli esperti di Parclick il 95% dei parcheggi italiani non sta attualmente massimizzando i propri livelli di occupazione e ricavi perché non si affida a soluzioni di vendita online.

Luis Paris, CEO di Parclick ha commentato:

“Chi prende quotidianamente l’auto per spostarsi in città sa molto bene che passare circa 33 minuti al giorno per parcheggiare è qualcosa di davvero estenuante. Significa quasi sprecare mezza giornata ogni mese a cercare un posto libero mentre si va o si torna dal lavoro. Noi di Parclick crediamo fermamente nella necessità di rendere i parcheggi di questa città più efficienti e accessibili ai cittadini, attraverso nuove tecnologie che faranno sì che molti spazi non siano più sottoutilizzati e possano essere messi a disposizione dei cittadini a prezzi più economici”.

Sostieni No#News visitando il sito del nostro inserzionista
Articolo precendente#A Milano la biblioteca è nel metrò
Articolo successivo#Come fare la mamma e il papà con più piacere e meno stress