La Maremma? Un gioiello, uno scrigno di tesori  unici al mondo ma non solo. Dovunque si vada si incontrano paesaggi affascinanti fatti di campagne selvagge, spiagge incantevoli, terme e testimonianze etrusche che nascondono leggende che ancora si tramandano.

Una vacanza in Maremma è un’avventura straordinaria in tutte le stagioni, anche d’inverno, quando la natura regala colori straordinari e il mare rivela tutta la potenza delle sue onde. Ma, tra un borgo e un castello, tra una passeggiata sulla spiaggia deserta o in uno dei tanti parchi, c’è un luogo che parla di accoglienza, di calore e, naturalmente di buon vino, che merita di essere scoperto: Fattoria Mantellassi. Una realtà che sorge proprio in un borgo della Maremma, quel Magliano in Toscana dove, da oltre sessant’anni produce nelle sue bellissime vigne il Morellino di Scansano, uno dei vini che rappresenta, a livello internazionale, l’orgoglio del Made in Italy.

Sostieni No#News visitando il sito del nostro inserzionista

Proprio a Fattoria Mantellassi si deve il riconoscimento della DOC, nel 1978, e della Denominazione di Origine Controllata e Garantita nel 2007.

Il borgo di Magliano in Toscana si trova in provincia di Grosseto, su una collina ricoperta di ulivi e fa parte dell’Associazione Nazionale Città del Vino, un’associazione che opera per la valorizzazione delle risorse del paesaggio, dell’ambiente e della storia dei comuni che vi aderiscono.

Sono tantissime le meraviglie da visitare a Magliano in Toscana. Partendo da Porta San Giovanni si raggiunge il Palazzo duecentesco di Checco il Bello, la Pieve di San Giovanni Battista, il Palazzo dei Priori, la Chiesa di San Martino…e tanto, tanto altro.

Imperdibile però è anche l’appuntamento con il vino perché come fa dire alla protagonista Paolo Virzì nel suo film La pazza gioia, “la felicità è nei posti belli, nelle tovaglie di fiandra, nelle persone gentili e nei vini buoni”.

La Tenuta di Fattoria Mantellassi, con la sua bella storia di famiglia, è proprio su queste colline che guardano il mare, in una posizione invidiabile, a due passi dalle Terme di Saturnia, dal Parco della Maremma e dall’Argentario.

Quando si arriva alla Fattoria l’accoglienza è più che cordiale. Giuseppe e Aleardo, gli eredi dell’azienda, insieme con la mitica mamma Silvana, vi accompagneranno in una degustazione che vi conquisterà per l’affascinante racconto del loro lavoro e soprattutto, per la bontà dei loro vini.

Una famiglia che vi metterà subito a vostro agio e che vi farà scoprire la bellezza feconda dei loro vigneti costituiti prevalentemente dal vitigno Sangiovese, base del famoso Morellino, per proseguire con Alicante, Cabernet, Sauvignon, Merlot, Malvasia nera, Ciliegio, Trebbiano Toscano, Vermentino bianco, Ansonica, protagonista, con Vegoia, uno degli ultimi successi di Fattoria Mantellassi, e Chardonnay che, con il Vermentino, dà vita alle fantastiche bollicine di Oblò.

Un tripudio di gusti e di profumi che vi accompagnerà per tutta la visita. E quando sarà il momento di tornare a casa, capirete anche il valore di quella frase scolpita all’ingresso: “Labor omnia vincit”. Perché è così che Fattoria Mantellassi è nata, cresciuta ed è così che si continuerà a lavorare!

www.fattoriamantellassi.it

Sostieni No#News visitando il sito del nostro inserzionista
Articolo precendente#Un regalo di Natale nel metaverso con CellarVerse
Articolo successivo#Un tè per ogni momento: proprietà e benefici di una tazza al giorno