Il corpo umano è prevalentemente composto di acqua, che rappresenta dal 50% al 55% del peso corporeo nelle donne adulte, che tendono ad avere una percentuale maggiore di massa grassa rispetto all’uomo. Senza un adeguato apporto idrico, il corpo non sarebbe in grado di svolgere le numerose funzioni vitali necessarie alla sopravvivenza, tra cui il regolare ciclo mestruale. In questi giorni, il bisogno di idratazione aumenta, come durante il flusso mestruale.

In questi giorni, il livello di estrogeni e progesterone nel corpo è più basso del solito, rendendolo incline a trattenere liquidi, con la conseguente manifestazione di gonfiore e ritenzione idrica. Questo fenomeno porta anche a un aumento del peso corporeo che, a partire da circa dieci giorni prima dell’inizio delle mestruazioni, può incrementare fino al 4% a causa dell’accumulo di liquidi che è più evidente nella fase progestinica del ciclo, nella quale il sistema linfatico non è in grado di drenare adeguatamente i fluidi accumulati. Pertanto, un’adeguata idratazione è fondamentale poiché favorisce il drenaggio dei liquidi in eccesso, alleviando il gonfiore.

“È bene ricordare come l’acqua svolga un ruolo essenziale nel lenire i vari dolori tipici di questa fase, come mal di testa, stanchezza, nausea, dolore al seno, crampi addominali e altri sintomi come mal di schiena, stitichezza e sonnolenza. Numerosi studi dimostrano che una bassa assunzione di acqua può rendere più sensibili al dolore, incluso quello legato al ciclo mestruale. Infatti, quando si è fortemente disidratati, si percepisce il dolore fino al 40% in più. Al contrario, quando si è ben idratati, il sistema di regolazione della temperatura corporea funziona meglio, il che stimola il sistema nervoso simpatico e aumenta la produzione di endorfine, con un effetto analgesico che aiuta ad alleviare i sintomi delle mestruazioni” – spiega il Professor Alessandro Zanasi, esperto dell’Osservatorio Sanpellegrino e membro della International Stockholm Water Foundation.

Durante il ciclo mestruale è quindi, consigliabile aumentare il consumo di acqua moderatamente mineralizzata, ricca di bicarbonati e calcio, che favorisce il drenaggio dei fluidi evitando il rischio di ritenzione idrica.