Adagiata tra due mari, la Calabria custodisce tesori artistici e architettonici che raccontano millenni di storia. Dalle colonie greche alle fortezze normanne, dai borghi medievali alle chiese barocche, questa terra offre un affascinante viaggio nel tempo, arricchito da una tradizione culinaria unica. Esploriamo insieme alcune delle più belle città d’arte calabresi, assaporando lungo il cammino i piatti e i vini che ne caratterizzano l’identità.

Reggio Calabria: la porta della Magna Grecia

Il nostro viaggio inizia a Reggio Calabria, città che si affaccia sullo Stretto di Messina. Il suo lungomare, definito da Gabriele D’Annunzio “il più bel chilometro d’Italia”, offre una vista mozzafiato sulla Sicilia e sull’Etna. Ma è il Museo Archeologico Nazionale a custodire il vero tesoro della città: i Bronzi di Riace, due statue greche del V secolo a.C. di straordinaria bellezza e perfezione.

Passeggiando per il centro storico, non si può non rimanere affascinati dall’eleganza liberty di Palazzo San Giorgio e dalla maestosità del Duomo. Per una pausa golosa, assaggiate il gelato al bergamotto, agrume simbolo della città, o gustate un piatto di pasta alla ‘nduja, salume piccante tipico della regione.

Consiglio culinario: Per cena, ordinate lo stocco alla mammolese, baccalà cucinato con patate, olive e pomodori. Accompagnatelo con un calice di Greco di Bianco DOC, vino bianco dalla storia millenaria.

Cosenza: la città dei Bruzi

Proseguiamo verso Cosenza, antica capitale dei Bruzi. Il suo centro storico, uno dei più belli d’Italia, è un dedalo di vicoli medievali che si arrampicano sulla collina. Qui, il Duomo romanico-gotico custodisce la tomba di Isabella d’Aragona, mentre il Castello Normanno-Svevo domina dall’alto la città.

Non perdete il Museo all’aperto Bilotti, con sculture di artisti contemporanei disseminate lungo il corso principale. Per gli amanti dell’arte moderna, una visita al Museo d’Arte Contemporaneo all’Aperto è d’obbligo.

Consiglio culinario: Assaggiate la pitta ‘mpigliata, dolce tipico cosentino a base di frutta secca e mosto cotto. Per un pranzo sostanzioso, optate per la pasta china, ripiena di polpettine, uova sode e salumi. Il tutto accompagnato da un rosso corposo come il Donnici DOC.

Crotone: tra mito e storia

Crotone, antica colonia greca e patria di Pitagora, ci accoglie con il suo fascino antico. Il castello di Carlo V domina il porto, mentre il Museo Archeologico Nazionale conserva preziosi reperti della Magna Grecia, tra cui il diadema aureo di Hera Lacinia.

A pochi chilometri dalla città, non perdete l’area archeologica di Capo Colonna, con l’unica colonna superstite del tempio di Hera Lacinia, simbolo di Crotone.

Consiglio culinario: Gustate il tipico pesce stocco alla crotonese, accompagnato da un bicchiere di Cirò DOC, vino che affonda le sue radici nell’antica Grecia.

Tropea: la perla del Tirreno

Arroccata su uno sperone a picco sul mare, Tropea è un gioiello che unisce arte e natura. Il centro storico, con i suoi palazzi nobiliari e le chiese barocche, offre scorci mozzafiato sul mar Tirreno. Il Santuario di Santa Maria dell’Isola, su un promontorio roccioso, è l’immagine iconica della città.

Consiglio culinario: Non lasciate Tropea senza aver assaggiato la famosa cipolla rossa in tutte le sue declinazioni, dalla marmellata ai primi piatti. Per un’esperienza gourmet, provate il filetto di tonno in crosta di cipolla di Tropea, accompagnato da un bianco fresco come lo Zibibbo di Pizzo.

Gerace: un tuffo nel Medioevo

Concludiamo il nostro viaggio a Gerace, borgo medievale che domina la costa ionica. La Cattedrale normanna, la più grande della Calabria, è un capolavoro dell’architettura romanica. Perdetevi tra i vicoli del centro storico, ammirando le botteghe artigiane e i palazzi nobiliari.

Non mancate di visitare la Chiesa di San Francesco, con il suo bellissimo portale gotico, e il Castello Normanno, da cui si gode una vista spettacolare sulla costa.

Consiglio culinario: Concludete la giornata con un piatto di maccarruni a’ zita, pasta fatta in casa condita con sugo di capra, e un bicchiere di Greco di Bianco DOC, prodotto nelle vicine colline.

 

La Calabria, con le sue città d’arte, offre un viaggio unico attraverso millenni di storia e cultura. Ogni pietra, ogni monumento racconta storie di popoli e civiltà che hanno lasciato un’impronta indelebile. Ma è anche una terra da gustare, dove ogni piatto e ogni vino sono espressione di una tradizione millenaria e di un legame profondo con il territorio.

Che siate appassionati d’arte, amanti della storia o semplicemente in cerca di sapori autentici, la Calabria vi sorprenderà con la sua bellezza selvaggia e la sua ospitalità calorosa. Un viaggio in questa terra vi lascerà non solo ricordi indimenticabili, ma anche il desiderio di tornare per scoprire ancora nuovi tesori nascosti.