L’oratorio di Georg Friedrich Händel ha trovato veste scenica in questo celebre spettacolo creato da Jürgen Flimm ed Erich Wonder per l’Opera di Zurigo, ed ora completamente ripensato per la Scala.

Il testo religioso è di grande valore poetico ed allegorico e tocca le corde profonde di un pubblico contemporaneo con una musica che raggiunge vertici assoluti di virtuosismo ed emozione.

Sostieni No#News visitando il sito del nostro inserzionista

Fasolis è stato infatti eccellentemente coadiuvato da quattro cantanti, tutti protagonisti, che impersonavano le quattro figure allegoriche del libretto. Alle tre donne, tutte bravissime, erano destinate le tre arie più famose: emozionante Sara Mingardo che è stata capace di rendere con efficace drammaticità “Crede l’uom ch’egli riposi”, Lucia Cirillo ha disegnato con commovente sensibilità la celebre “Lascia la spina”, Martina Janková ha colpito le corde del pubblico con la conclusiva rarefazione di “Tu del Ciel ministro eletto”. Leonardo Cortellazzi ha ottimamente figurato accanto a loro sostenendo in modo convincente la sua parte.

Splendido anche l’allestimento scenico pensato in un ristorante parigino anni Quaranta, luogo edonistico per eccellenza, in cui, dietro alle schermaglie vocali dei quattro protagonisti si muove in abiti eleganti e ricercati costumi una moltitudine di presenze diverse, servita da camerieri e baristi, con l’estemporanea intromissione di eccentriche figure.

Il pubblico ha gradito moltissimo e ha sottolineato con un lungo applauso l’esecuzione musicale in cui cantanti, orchestra e direttore si sono integrati perfettamente. L’utilizzo di strumenti antichi e una prassi musicale ineccepibile hanno dato quel tocco di magia in più.

Sostieni No#News visitando il sito del nostro inserzionista
Articolo precendente#La gatta sul tetto in bilico tra fuga e menzogna
Articolo successivo#La chimica dell’innamoramento