Uscito l’11 febbraio, Le storie del quartiere. È la nuova avventura a fumetti di Lyon, lo youtuber che ha dominato per mesi il panorama editoriale italiano con Le storie del mistero, diventato il libro per ragazzi di maggior successo del 2020 (5° nella classifica generale) e il singolo libro a fumetti più venduto di sempre con oltre 180.000 copie.

Questa volta ad animare le pagine della nuova storia a fumetti è la compagnia di Lyon al gran completo, con tutti i protagonisti delle sue storie, che da anni danno vita alle sue serie di video più amate su YouTube. Con Le storie del quartiere, l’autore ci riaccompagna dunque ancora una volta nel suo mondo, fatto di personaggi bizzarri, sfide accanite e segreti da svelare.

Sostieni No#News visitando il sito del nostro inserzionista

IL LIBRO

Lyon e i suoi amici hanno perso tutti i soldi che avevano guadagnato e ora sono costretti a dormire in un sacco a pelo nel bel mezzo della foresta, in attesa di farsi venire una delle loro idee.

Qual è il modo migliore per tirare su un bel gruzzoletto? Una battaglia di yo-yo? Una gara di barzellette? Sono tutte ottime trovate, ma potrebbero non bastare. Stavolta ai ragazzi serviranno un piano geniale e una dose extra di coraggio, perché un misterioso sconosciuto li ha presi di mira. Chi si nasconde dietro la maschera? E perché ce l’ha tanto con loro?

Per fortuna in questa avventura Lyon, Anna e gli altri non sono soli: ad accompagnarli c’è Nonno Tombaldo, un vecchietto un po’ svitato con un’insana passione per i fagioli magici.

L’AUTORE

Lyon è uno dei gamer e youtuber più seguiti in Italia. Da anni porta sul web, insieme alla compagna Anna, la sua passione per il mondo dei videogiochi, ma soprattutto per le storie. Il suo canale WhenGamersFail ha superato i 3 milioni e mezzo di iscritti. Con Magazzini Salani nel 2020 ha pubblicato il suo primo libro a fumetti, Le storie del mistero.

 

Sostieni No#News visitando il sito del nostro inserzionista
Articolo precendente#Campagna di vaccinazione Covid 19: modalità di prenotazione (nati fino 1961)
Articolo successivo#Con la pandemia l’uso delle lenti a contatto è aumentato del 50%